Il mercato non ama l’educazione.

I mercanti e gli accumulatori non amano l’educazione. Amano solo il danaro, il mercato e il possesso.Si servono dell’istruzione per addestrare tanti sudditi obbedienti e spesso inconsapevoli. Sono pochi quelli che parlano di cambiamento fuori dal recinto del mercato e del capitalismo. Quelli che si definiscono o definiamo populisti, liberisti, liberali, dem, sovranisti, cittadinisti e…

Vota:

Popsofisticherie short

Quest’anno dedicheremo, come promesso, poche righe alla saga di Popsophia che vediamo drasticamente ridotta a soli 2 (due) giorni! Non ne conosciamo il motivo (economico? stanchezza del pubblico? stanchezza degli sponsores?) Invece emergono le solite costanti: volontariato a gogo, per non dire sfruttamento giovanile, strumentalizzazione delle scuole sotto l’ombra del perfido, ipocrita strumento dell’alternanza scuola-lavoro,…

Vota:

Educazione,scuola,cultura,diffuse.Purchè di qualità.

Prima di andare in vacanza anche se c’è chi dice che da dieci anni lo sia perennemente, vorrei fare una serie di riflessioni a mo’ di aforismi sulle ultime note di ReseArt. Abbiamo avuto l’immenso piacere di vedere crescere l’idea della Città educante nata con il nostro (Paolo Mottana & Giuseppe Campagnoli) Manifesto dell’educazione diffusa…

Vota:

Il Manifesto dell’educazione diffusa. Il vento ci porterà!

Non è  un libro per soli addetti ai lavori.  “La città educante. Manifesto dell’educazione diffusa” di Paolo Mottana filosofo dell’educazione a Milano Bicocca e Giuseppe Campagnoli studioso di architettura per la cultura e la scuola è un libro per tutti quelli che hanno a cuore l’educazione, l’architettura e la città. E’ un libro che sogna…

Vota:

E la nave va.Educazione ed architettura.

Presentazioni e incontri L’idea, nata tanto tempo fa dai sogni filosofici e architettonici di Paolo Mottana e Giuseppe Campagnoli sta gradualmente prendendo forma e si sta diffondendo attraverso il Manifesto della educazione diffusa, in seminari, convegni assemblee, presentazioni del libro “La città educante.Manifesto della educazione diffusa”, lezioni universitarie e tante altre occasioni e luoghi. Sta…

Vota:

#popsophismi 1

Come promesso, cominciamo con una citazione da “Il Fatto quotidiano” del 2014 per un giudizio che noi condividiamo sui popsophaici: “Un intellettuale, nell’epoca della sua riproducibilità social, si occupa di popsophia. Avendo scritto molti libri, pensiamo ad esempio alla celeberrima Filosofia di Peppa Pig, è elevato dalla massa benpensante a vate, in inglese water. I…

Vota:

Meglio Marhaban che As-salamu alaycum!

Assistevo oggi ad una trasmissione radiofonica sui culti in Italia e nel mondo. Si parlava in particolare di islam e si sosteneva dagli imam e dai rappresentanti intervistati  che il Corano e l’Islam sarebbero validi per tutti i tempi e per tutti i luoghi, salvo poi contraddirsi nell’ammettere, con ovvio intento gigionesco,  che si debba adattare ai…

Vota:

La meritocrazia. Un falso mito.

Mi sono fatto persuaso, come direbbe il Commissario Montalbano, che le questioni di meritocrazia di cui tanto si parla, a destra, a sinistra (!) in alto e in basso, nel lavoro, nell’amministrazione, a scuola, nelle università etc. siano falsi miti, pericolosi e iniqui nella sostanza. Il merito sembra essere diventato la foglia di fico del…

Vota:

Anche noi siamo Charlie.

L’arte della democrazia e della civiltà. Vorremmo che, in un futuro breve, per descrivere una persona si dica solo da quale paese proviene, che cosa fa o ha fatto per la comunità e quali sono i suoi ideali umani. Non si dica più un ebreo, un musulmano, un cristiano, un induista, uno scintoista, un buddista….

Vota:

Appendice grafica Popsophaica.

Prima di andare in vacanza (ma non tanto) proponiamo una riflessione grafica vorticosa ai nostri lettori. Popsophia e Festival di Sarzana: affinità elettive ?

Vota:

Pop-sofisma dell’internazionalità.

Chiudiamo la nostra querelle su Popsophia con una breve nota prima di rallentare per la pausa estiva, fare restyling al sito che ora è provvisorio e rinviare a Settembre le ulteriori nostre inchieste “artistiche”. La rassegna stampa di Popsophia dal 9 al 17 Luglio 2015 non evidenzia echi internazionali dell’evento. La stampa che si è…

Vota:

Touche pas à Popsophia.La censura.

Finisce la saga di Popsophia con un breve strascico di miserie umane. E’ noto che ReseArt non cerca nè pubblicità né danaro e neppure gloria ma cerca solamente di dire ciò che pensa, nel bene e nel male, nei campi di cui si occupa. Recentemente si è occupato della kermesse di Popsophia a Pesaro, una…

Vota:

Laurent de Sutter. Arte e voluttà.

Così abbiamo percepito la lettura di Laurent de Sutter in quell’italiano creativo e suggestivo che ha dato quel quid di eso-erotico in più alla disquisizione sull’arte dello spogliarsi  pensando alla Belle Epoque, a Lautrec e al Lido che in tempi passati abbiamo frequentato anche noi. Allora son venute in mente le immagini e i suoni…

Vota:

Le pop sophie. Pesaro 12 Luglio 2015.

Abbiamo chiuso anche noi la kermesse di Popsophia e ribadiamo la nostra idea che si tratti di pop-sophismi. Tra vernissages di quell’arte che arte non è ma solo esibizione e virtuosismo, tra sofisticherie linguistiche modaiole di una parafilosofia che tutto è fuorché pop mi vendo una battuta provocatoria (ma poi non così tanto) sul programma…

Vota:

Pesaro Popsophia 2015.Riflessioni in corso d’opera.

Ieri ho partecipato alla serata di Popsophia 2015. Mantengo la mia opinione sulle arie fritte, sull’uso e l’abuso del mondo della scuola, sugli stereotipi, sui filmati retro, sulla pseudo-arte, sulla fauna intellettuale superpaludata o intenzionalmente sciatta presente all’evento e sull’estrema futilità del tutto, quasi come fosse una specie di luna park radical sh(i)ock. Ci si mette…

Vota:

#Popsophisma

Cosa resterà al primo soffio di brezza? #popsophisma2015 Filosofia pop o sofismi pop? La prima giornata è stata un passerella di sponsors pubblici con un divo del mercato della cultura. Chi ha pagato? Chi ci guadagna? Chi ci lavora gratis et amore dei? Perché non si fa una consultazione tra i cittadini di Pesaro e delle…

Vota:

Popsophia. Allegria di naufragi. #Popsophisma?

di Giuseppe Campagnoli Popsophia di nuovo a Pesaro.#Popsophisma ? Inizia la kermesse che si presenta con un titolo per lo meno discutibile, visto che tutto il mondo è rivolto a ben altri naufragi, tutt’altro che allegri. La cultura di massa non può essere né indifferente nè conformista ma non può essere certamente ipocrita o radical chic. Popsophia ci sembra  indulgere a…

Vota:

Pop-sophisma.

ReseArt bloccato sul profilo di Popsophia? Oggi ci siamo accorti che un nostro post molto critico,”Popsophia o #popsofisma?” legittimamente critico, nei confronti dell’ennesima kermesse di Popsophia, condiviso attraverso i social networks e come commento ai posts superdiffusi dell’Associazione no profit (?!), pare sia stato bloccato su Facebook. Ci fa piacere perché è un segnale implicito che, in…

Vota:

Lo sguardo educato (5)

di Nikla Cingolani La città in bottiglia “Il vero non ha finestre. Il vero non guarda fuori nell’universo. E l’interesse per i panoramas sta tutto nel vedere la vera città. “La città in bottiglia”. La città in casa. Ciò che trova nella casa senza finestre è il vero. Una casa senza finestre è, per esempio,…

Vota:

La scuola buona o la buona scuola?

di Giuseppe Campagnoli  La scuola buona o la buona scuola? Ripropongo  i principali  punti governativi e provo a dire qualcosa rapidamente e sinteticamente dopo aver passato 40 anni nella scuola da insegnante, preside e ricercatore più 20 da studente. 1) Mai più precari nella scuola e basta supplenze. L’idea non è male. Coniugando il fabbisogno di docenti  reale e…

Vota: