La scuola senza mura nel 2018

il

Forse questo potrebbe essere l’anno della svolta nelle sperimentazioni del Manifesto della educazione diffusa e della città educante. Per anticipare in termini semplici e operativi i contenuti del Disegno della città educante che dovrebbe essere a breve pubblicato in versione cartacea, propongo delle brevi linee guida utili a chi sta già sperimentando o vorrà farlo nei quartieri e nelle città.

POSTER BRESSANONE

Il coinvolgimento di una amministrazione locale è essenziale o quanto meno auspicabile per garantire un  minimo di risorse economiche distratte virtuosamente dalla rinuncia a costruire nuove scuole e dalle economie derivanti dal non dover più fare manutenzione e gestione per gli edifici scolastici dismessi.

In prima battuta, oltre alla stesura di un canovaccio educativo di attività ed iniziative per i gruppi o le classi coinvolti, alla scelta di insegnanti e  mentori, delle tematiche fondamentali e dei traguardi da condividere con famiglie e gli studenti  nelle diverse fasce d’età, sarà indispensabile costruire un sodalizio flessibile e un patto, sottoscritto per impegno, tra associazioni, cooperative, gruppi culturali, enti pubblici e privati, laboratori e botteghe intenzionati a collaborare e dare il loro contributo alla realizzazione della educazione diffusa. Le amministrazioni e i vari soggetti coinvolti individueranno insieme agli educatori, alle famiglie, ai cittadini ed esperti che vi si vorranno impegnare, una teoria di luoghi utili della città per la realizzazione del progetto, a partire dal “portale”  (per un quartiere) o dai “portali” (per le città medie e grandi) che saranno le basi  per la diffusione educativa urbana come descritto in modo approfondito nei testi fondamentali citati in premessa.

Con l’insieme delle risorse finanziarie, politiche e culturali che si uniranno in questo sforzo, sarà possibile avviare il disegno di una città nuova che assumesse un ruolo pedagogico permanente e continuo. Il soggetto promotore in prima istanza potrebbe essere una scuola, un comune, un’ associazione culturale, un gruppo di cittadini , di genitori, di insegnanti…

fullsizeoutput_bfa

Il nodo delle risorse economiche è comunque un problema fondamentale che potrebbe anche essere affrontato avviando serie iniziative di crowdfunding, candidature a progetti nazionali ed europei, ricerca di investitori e di sponsors senza scopo di lucro visto che il progetto è assolutamente di natura etica e sociale. Chi vorrà lavorare in questa direzione in Italia e anche all’estero o lo sta già facendo dovrebbe collegarsi in rete e condividere tematiche, obbiettivi e modalità di realizzazione della Città educante.

Giuseppe Campagnoli

Pesaro 9 Gennaio 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...