Prove di educazione diffusa.


Prove di educazione diffusa. Si può fare!

Dopo l’avvio del gruppo di studio previsto per il 30 Giugno sarebbe opportuno già da ora connettere e condividere tutte le esperienze che stanno nascendo su ispirazione delle idee contenute ne “La città educante. Manifesto della educazione diffusa” di Paolo Mottana e Giuseppe Campagnoli Asterios editore  Trieste.  Abbiamo ricevuto segnalazioni da un quartiere di Milano, da Monza, dal Piemonte e dalle Marche, ci sono stati richiesti diversi interventi tesi ad illustrare nel mese di settembre l’idea e le ipotesi di sperimentazione. Qualcuno ci segnala la sua città come possibile scenario di una sperimentazione. Molte mail scrivono di avere in campo delle iniziative giudicate simili se non uguali a quelle da noi proposte, magari anche presentate “al governo” (sic!) per un non meglio precisato “bando adolescenza”. Poi si scopre, (evidentemente chi ci ha scritto non ha letto il nostro volumetto), che si tratta di progetti parascolastici spuri ed effimeri e che non hanno in sé neppure il respiro di un avvio di rivoluzione, seppure sottile e progressiva, in campo scolastico.

IMG_4968

Moltiplicare le gite scolastiche o le uscite in città o in campagna, pratica già in uso da molto tempo, non vuole dire avviarsi sulla strada della scuola diffusa. Molte attività sembrano far parte ancora della endemica “progettite” che affligge le scuole italiane a caccia di una misera parte della esigua torta di risorse economiche destinate all’istruzione o di medaglie da appuntare sul proprio vessillo scolastico in questa corsa mercantile all’immagine e alla pubblicità che tanto paventava chi osteggiava la scuola- azienda per i bambini e i ragazzi “clienti” o “utenti”. Ci vuole ben altro. L’avventura del cambiamento comporta dei rischi e delle rinunce. Comporta un lavoro enorme e spesso volontario, ma svolto per sé stessi e per la collettività, non per i diktat di un sistema che punta sulla scuola (oggi più privata che pubblica) per assicurarsi fedeli consumatori o managers, tecnocrati e quadri senza scrupoli. Nella parte finale del libro che contiene il Manifesto, segnatamente nei capitoli “Immaginiamo” e “La transizione”  si espone con chiarezza quali possano essere le linee per una fase di avvio, passo dopo passo, verso tante piccole  sperimentazioni tese a dimostrare la bontà e la fattibilità dell’idea proposta di Città educante. Non ci fermeremo neppure con le calure estive ma prepareremo ciò che serve per riprendere, nel mese di settembre, i cicli di interventi illustrativi del Manifesto della educazione diffusa e di presentazione del nostro “libro di testo” e la raccolta di dati relativi a esperienze già avviate o in pectore che siano in linea con la nostra concezione di scuola diffusa nella città. Vi aspettiamo. La città ci aspetta e non vede l’ora!

Giuseppe Campagnoli

25 Giugno 2017

Il progetto prende forma.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...