Gli spazi che insegnano.Noblesse oblige.


Gli spazi che insegnano. Seminario di studio a Pesaro.

Proprio ieri presso la sala del Consiglio Comunale si è svolto il seminario di studi sull’architettura scolastica a Pesaro. In esordio il saluto delle autorità, gli assessori e il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale che hanno avuto il merito di mettere insieme voci diverse in campo educativo e degli spazi per l’apprendimento. Sono intervenuti l’architetto trentino che sta progettando un edificio scolastico a Pesaro con grande esperienza nel campo, l’esperto di arredi scolastici innovativi, rappresentante dei produttori di arredi per le scuole e infine una voce fuori dal coro che ha illustrato l’idea futuribile di una scuola senza mura e di una città educante contenuta nel “Manifesto della educazione diffusa” dove si trovano spunti per una nuova concezione dell’architettura e dei luoghi per educare nella città futura.

fullsizeoutput_2682

Due idee contrapposte che presto potrebbero sostituirsi, con le spinte delle esperienze dal basso, per giungere a come dovrebbe essere l’educazione del futuro, aperta, diffusa e mobile in una concezione di disegno urbano partecipativo che fa della città un insieme di luoghi per educare ed apprendere in modo permanente limitando radicalmente il ricorso a nuove costruzioni di edifici scolastici. I moderatori  hanno tentato di mediare tra le proposte e considerazioni trovando rari punti di contatto  tra le idee distanti e contrapposte, tra le più pragmatiche, omologate e mercantili e quelle più utopiche aperte ad un futuro possibile. Nello spirito celebrativo dell’evento, in occasione del progetto di una nuova scuola a Pesaro, prevale ancora l’idea dell’edificio dedicato e chiuso, delle aule e dei consueti spazi seppure oggi debbano giocoforza essere ipertecnologici, eco, efficienti  ed open.  Per fortuna era curioso, attento ed anche interlocutorio con entrambe le proposte sul tavolo il poco pubblico presente. E’ intervenuto il TG3 Rai con interviste mirate- casualmente?- ai soli relatori decisamente in linea con la concezione ancora egemone della scuola. Una concezione ancora resistente in molti architetti e troppo educatori dell’ “edilizia scolastica” che concentra in manufatti specializzati per tante, troppe ore del giorno alunni e insegnanti con l’unica consolazione di avere begli arredi ergonomici, grandi vetrate, living spaces a mo’ di centri commerciali, ed altri spazi del modernismo contemporaneo ma sempre rigorisamente e rigidamente dentro le mura. Perchè, come ha detto l’architetto interpellato “non è possibile rinunciare alle aule”. Ma le nostre piccole gocce impertinenti scaveranno la pietra non inamovibile della scuola di oggi.

Giuseppe Campagnoli

La città educante

L’edilizia scolastica

Sono intervenuti:

Giuliana Ceccarelli assessore alla Crescita

Enzo Belloni assessore all’operatività

Marcella Tinazzi dirigente dell’USP di Pesaro

Moderatori:

Margherita Finamore architetto servizio nuove opere del comune

Valter Chiani dirigente del servizio politiche educative del comine

Relatori:

Gianluca Perrottoni architetto

Marco Canazza esperto di arredi scolastici

Giuseppe Campagnoli studioso di architettura scolastica

Annunci