Buonasera. Ricchezza monnezza? Chi sono i ladri?


031_Che-Fuori-tempo-che-fa_diretta-7-febbraio-2015-620x349 copia

Al Buongiorno di oggi su La Stampa “Monte Scassino” faccio una breve chiosa etica. La ricchezza, poiché acquisita quasi sempre, tranne per le lotterie, con il dolo o la colpa grave, direttamente o in eredità, è monnezza. E chi la accumula è un ladro. La stampa e i suoi tribuni si avventano sempre, per difendere gli, fino a prova contraria, onesti cittadini, contro i politici, gli amministratori, i pubblici dirigenti e dipendenti, i preti, i cardinali e i papi. Certo chi ha più potere e lo deve usare in nome o in rappresentanza di alti ideali come lo Stato e la Chiesa è sempre più colpevole del popolino. Oggi sono convinto che i credenti e i creduloni lo sono spesso volontariamente e spesso in mala fede. Creduloni sono i fedeli, gli elettori, i consumatori, i telespettatori, i cittadini dei populisti e dei social media.

Senza titolo1

I pochi credenti sono rimasti solo quelli con ideali di equità e di uguaglianza sociale, quelli contro il perverso libero mercato che rende moltissimi i ladri a diverse scale ma sempre ladri, con rarissime eccezioni, in genere senza beni al sole o conti in banca. Ladro il prelato di Montecassino, ladri i corvi del Vaticano, ladri i monsignori gaudenti, ladri ministri e politici, dirigenti e dipendenti pubblici. Ma ladri anche liberi professionisti e mercanti, mezzibusti e giornalisti, idraulici e pizzicagnoli, notai e parrucchieri, tassisti e architetti, medici e osti. Questo è il mondo di ladri del caro Venditti e non è solo la Chiesa o il Governo o la Pubblica Amministrazione che ne fanno parte, Il grosso sta altrove. Sta anche in chi inveisce contro i potenti ladri ma poi si comporta allo stesso modo, nel suo piccolo, se può, ogni giorno, in ogni luogo, in ogni cosa che fa. Scaglino la prima pietra… Credo che se si ripulisse il popolo e diventasse in maggioranza onesto e rispettoso delle regole, i potenti non potrebbero sfuggire alle loro colpe, magari divento “così fan tutti”. Altrimenti sarà sempre la mezza gioia del mal comune.

Giuseppe Campagnoli 12 Novembre 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...