Che tempo (che) fa.


images

E’ ricominciata la saga della trasmissione di Rai 3 Che tempo che fa e mi sono venute in mente le note pubblicate su questo blog in relazione all’arte dell’intrattenere televisivo, dell’imbonire e del subliminalmente predicare. Ripropongo un articolo che mi piacque molto datato 2010 di Andrea Scanzi, anche lui ahimè oggi trasformatosi in  predicatore che  ha cominciato a razzolare meno bene diventando uno dei tanti “prezzemoli” televisivi. L’articolo in questione, “Fabio Fazio l’intervistatore senza domande” è apparso su Micromega di 5 anni or sono. Lì Fabiofazio veniva definito, non senza qualche ragione evidente, “Il grande intoccabile della comunicazione di centrosinistra. Il demiurgo del chiacchiericcio pensoso. Il Vincenzo Mollica apparentemente impegnato. Il cantore del paraculismo d’essai: un intervistatore senza domande con tante macchie e ancor più paure”.

La storia recente ha dato piena ragione a queste descrizioni, le ha consolidate e corroborate anche con un  crescente contraltare di emolumenti milionari che hanno fatto gridare allo scandalo immorale e provocato qualche giusta petizione sui social. Continua la kermesse di lodi sperticate per tutti gli ospiti, finte domande “cattive”, finti trabocchetti giornalistici, finta ricerca della verità nella cronaca e nella politica,gigionate letterarie, musicali, artistiche e umanitarie, tensione al radicalchic che si trasforma in radicalchoc. La parte più comica sta diventando proprio quella delle interviste e dei siparietti con il grande Massimo della Stampa, più che quella delle Littizzettate sboccacciate che provocano applausi e ilarità in una platea di bravi italiani sensibili ad ogni parolaccia allusiva al sesso. Eppure il format e certe sue intenzioni erano buone ed apprezzabili. Ma di buone intenzioni spesso è lastricata la via dell’inferno.Non crediate che i dati di audience siano sintomo di vero successo culturale! In Italia c’è un crescente analfabetismo di ritorno da destra ma anche uno di sinistra o, meglio, di centrosinistra! Temo che Fabiofazio si dovesse fermare ad “Anima mia”!

MONOTONIA-431x580

Ma il business non si ferma, a dispetto del pubblico che non solo paga il canone ma paga, e non tutti lo dicono o lo ammettono, gli effetti perversi e indotti della pubblicità che, ancora e sublimine, sono a carico dei cittadini. Tant’è che ai rilievi ormai frequenti di ipertrofia di emolumenti, (excusatio non petita..) i conduttori si scherniscono e si giustificano con le leggi liberali (o liberiste?) del mercato a volte anche attaccando chi li accusa. Ricordo che, nel 2011, quando una mia lettera a La Stampa, che stigmatizzava il plusvalore attribuito scandalosamente a mezzibusti, giornalisti, calciatori, artisti, fu letta e commentata in diretta da un Massimo Gramellini possibilista, il nostro Fabiofazio giustificava le laute prebende dei vips e commemorava la bontà del libero mercato e degli sponsors! Il concetto, perverso, è sempre lo stesso, anche per i sedicenti progressisti: la ricchezza è giustificata dal merito (?) e dal mercato che è libero e “giusto”, la povertà va aiutata con la carità e la solidarietà. E il famoso cammello che doveva entrare nella cruna dell’ago?

031_Che-Fuori-tempo-che-fa_diretta-7-febbraio-2015-620x349 copia

Giuseppe Campagnoli 7 Ottobre 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...