Il centesimo articolo. Una riflessione politica.


di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Immagine

E’ giunta l’ora di fare una riflessione. L’arte della politica è la più nobile delle arti e dovrebbe essere appannaggio di ogni cittadino. Dalla democrazia di Atene e dalla repubblica di Roma alle democrazie, sempre imperfette, di oggi, la partecipazione dei cittadini è un obbligo morale e civile. Per partecipare occorre avere delle idee proprie ed una concezione chiara della vita senza inseguire le lusinghe dei tribuni e degli oratori “pro domo sua”. Per partecipare occorre guardare tutto il campo della collettività, non il proprio misero orticello. Allora, nel momento delle scelte, sono necessarie  la conoscenza e la lucidità. Al di là delle sirene piene di lusinghe e di promesse di chi ci amministra e di chi si oppone, un consiglio per scegliere bene, o almeno preferire il male minore per la società (non solo per noi stessi quindi) è quello di farsi una specie di decalogo delle priorità. Chi rispondesse alla più parte di questa lista potrebbe avere la nostra fiducia. La chiave della scelta è questa. Non il contrario. La chiave non è aderire a chi dice sempre no o sempre si o sempre forse. La chiave è la corrispondenza o meno con i bisogni della collettività di chi si propone di rappresentarci, fino a prova contraria. Vorrei, a questo punto riproporre una  “lista minima dei legittimi desideri” per l’Italia, trasferibili, mutatis mutandis, anche in Europa, senza commenti, sperando possa essere utile per  riflettere ed aiutare a decidere anche sulla base del chi, del dove, del come e del quando verrebbero realizzati da chi ce li propone. Perchè decidere è un nostro dovere oltre che un nostro diritto.

-Nuova legge elettorale e revisione costituzionale 
-Lotta sistematica all’evasione ed elusione fiscale, lotta all’esportazione di capitali, forte tassa patrimoniale al di sopra dei 100.000 Euro e legge per l’equità sociale ed il riequilibrio dei redditi (differenze di non più di due volte tra minimi e massimi anche attraverso tariffe minime e massime per tutti i beni, i servizi e le prestazioni di opera manuale o intellettuale)
-Leggi per la confisca dei beni mobili e immobili non utilizzati a tempo pieno o non affittati a canone controllato
-Riforma e aumento investimenti sensibile per la scuola, la sanità e la cultura con più equità e rigore
-Riforma per una giustizia rapida ed efficiente 
-Legge anticorruzione e sul falso in bilancio
-Nuova legge sull’immigrazione e la cittadinanza e legge integrata sui diritti civili e morali
-Rilancio immediato con incentivi e piani di emergenza per: Agricoltura, turismo e cultura, arte e beni culturali
-Applicazione equa ed equilibrata tra i diversi paesi di tutte le direttive europee in materia di ambiente, scuola, diritti civili, debito pubblico e moneta unica
-Nuovi ruoli dei paesi in una Europa politica da consolidare nei suoi aspetti positivi e correggere nei lati negativi e diseguali
-Lotta al libero mercato incontrollato e incontrollabile
-Revisione degli accordi civili con le chiese…

Giuseppe Campagnoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...