Edilizia scolastica


di Giuseppe Campagnoli Giuseppe-Campagnoli

Edilizia scolastica. La priorità del Governo Renzi. Ma la partenza è già con il piede sbagliato!

Immagine

Proponiamo uno stralcio del saggio di Giuseppe Campagnoli sulla rivista “Le Voci della Scuola” 2010 Tecnodid Napoli

L’edilizia scolastica in Italia è raccontata da leggi e regolamenti che ne hanno improntato, in parte, la fisionomia. La norme fondamentali dell’attuale modo, spesso solo tecnico ed economico,di progettare e costruire scuole sono ancora quelle degli anni ’70, in particolare il Decreto   del 18/12/    1975 n°18 che, per la prima volta, ha fissato i parametri  dimensionali e le regole per la localizzazione e la progettazione “tecnica” delle scuole di ogni ordine e grado con qualche implicita impronta pedagogica e molte rigidezze.

Per ogni tipologia scolastica vi sono descritti i parametri  urbanistici, dimensionali e di comfort   da rispettare e vi sono indicazioni e suggerimenti utili alla progettazione: un manuale tecnico vero e proprio contenuto in una norma che non sempre è tuttora pienamente attuata anche se,in parte,superata.

I progettisti si attengono ancora a  quelle indicazioni per avviare la loro attività di progettazione, passando poi per tutta la teoria di norme successive, soprattutto specialistiche e riguardanti in particolare, la sicurezza, il contenimento energetico, il confort ambientale,il superamento delle barriere architettoniche.

Gli interventi normativi strategici sono stati  rarissimi e di solito non sono stati seguiti dai provvedimenti indicati nei tempi previsti.

Ulteriore Legge che poteva essere una  “cornice”  dentro la quale aggiornare le indicazioni tecniche del Decreto del 1975  e fornire indicazioni rigorose sulle competenze  è stata la Legge  n° 23 del 1996 la cosiddetta Legge Masini , che nonostante i suoi difetti ( come la conservazione della divisione di competenze tra enti locali e la mancanza di direttive pianificatore e progettuali) costituiva l’avvio di  una ricognizione seria e di una programmazione degli interventi nel territorio prefigurando una nuova normativa progettuale e tecnica nazionale fondata sulla capacità di adattamento degli edifici alle innovazioni  pedagogiche e didattiche e sulla partecipazione reale ma non demagogica del mondo della  scuola nelle fasi della progettazione.

Tutte le disposizioni successive hanno riguardato adeguamenti alle Direttive europee sulla sicurezza ed al contenimento energetico e la determinazione di allocazione di  esigue risorse economiche in genere legate a queste norme ed ai tentativi di superamento di situazioni di emergenza.

La pedagogia e le innovazioni didattiche e tecnologiche in campo educativo sono state scarsamente protagoniste nelle azioni dei vari governi nel campo dell’edilizia scolastica  mentre hanno ispirato la ricerca e il dibattito (anch’essi per la verità scarsi) sul valore degli spazi dell’apprendere e sulla loro incidenza sulla qualità del servizio scolastico.

La costruzione di scuole o la loro trasformazione seguono troppo spesso le sole esigenze di crescita demografica o di adeguamento alle norme sulla sicurezza. Dopo ogni azione di ricognizione ministeriale sullo stato del patrimonio edilizio scolastico (censimenti o le anagrafi si sono susseguite dagli anni ’90 in poi) non è mai seguito un adeguato intervento di investimenti per la progettazione o la riqualificazione architettonica. Si sono messe in campo sporadiche azioni palliative e di tamponamento soprattutto delle emergenze tecnologiche e, purtroppo, dopo qualche fatto di cronaca drammatico che ha coinvolto le scuole in ordine a problemi di sicurezza.

Non vi sono stati investimenti “a tutto campo” coordinati tra tutti gli  enti in qualche modo competenti. La Legge N° 23/96 determinò un riassetto delle competenze  affidando alle amministrazioni regionali la pianificazione degli interventi  attraverso la elaborazione di piani triennali in cui individuare gli interventi  identificando  e ripartendo le risorse tra gli altri enti competenti (comuni per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado e province per le secondarie di secondo grado) e lo Stato che interviene a livello perequativo.Ma le azioni sono  risultate scoordinate (anche per la parcellizzazione delle competenze nel territorio) insufficienti e sempre più spesso determinate dall’emergenza.

Secondo una attendibile analisi, se un edificio scolastico nuovo di  12 aule, caratteristiche tipologiche standard,progettato con criteri di economia e biocompatibilità, puo’ costare poco più di 3.000.000 di Euro, considerato che si può ragionevolmente ritenere irrecuperabile  buona parte del patrimonio edilizio disponibile perchè fatiscente, non adeguabile, tipologicamente inadatto, collocato in zone a rischio o in locazione da privati, si puo’ ragionevolmente stimare,  in base alla popolazione scolastica globale ed agli standards di affollamento, un fabbisogno  di  almeno 150.000 aule per un costo di poco meno di 37 milardi di Euro.

Attraverso il coordinamento dei  piani triennali regionali in una pianificazione nazionale straordinaria e il concorso di tutte le istituzioni, si potrebbero raggiungere investimenti pari agli altri paesi europei e,in poco più di un decennio, iniziare a rinnovare quasi tutto il patrimonio architettonico scolastico tra nuove costruzioni, adeguamenti, ampliamenti e ristrutturazioni.Solo nell’ultimo piano nazionale (dal CIPE),viste le emergenze relative alla sicurezza, il sisma in Abruzzo e i ricorrenti fatti di cronaca d’emergenza, l’investimento, che di norma non superava i 500 milioni di euro in un triennio si potrà arrivare  a quasi un miliardo di Euro per il triennio 2007-2010.

Si consideri che la stessa Protezione Civile ha stimato un fabbisogno di 13 miliardi di Euro per la sola messa a norma di tutte le scuole.

Un’idea di scuola  e di società che si evolvono continuamente richiede una idea di architettura autonoma, capace di adeguarsi alle  trasformazioni pedagogiche e nomative utilizzando la flessibilità, uno stile durevole, le potenzialità delle nuove tecnologie costruttive insieme al significato del recupero di materiali e forme tradizionali, l’integrazione con le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per estendere gli spazi al di là dei loro confini.

La scuola come palestra della ricerca in campo di sostenibilità  ed ecologia, di sicurezza ed innovazione  didattica, di promozione della cultura in contatto con l’intorno sociale in cui insiste e con l’intera città che la ospita è la scommessa per il futuro.

Si deve auspicare che la politica e l’amministrazione,insieme alle categorie dei progettisti e dei costruttori ed alla comunità scolastica riescano a condividere una pianificazione nazionale di ampio respiro  che possa dettare linee guida improntate a principi urbanistici,architettonici e  pedagogici, con il dovuto grado di flessibilità e di adattabilità ai contesti storici e territoriali ed alle trasformazioni ed innovazioni educative e didattiche. Si dovrebbe giungere a delegare ad un unico ente locale (il comune o l’unione di più municipalità)  la realizzazione di tutti gli edifici per le scuole di ogni ordine e grado, superando così anche conflitti di competenze e sperequazioni tra tipologie di scuole e di territori. Sarebbe altresì utile che a  pianificare le reti dei servizi scolastici e a progettare le scuole fosse individuato, a livello normativo, un team obbligatorio pluridisciplinare di figure professionali  che comprendano, insieme al tradizionale gruppo dell’ingegnere dell’architetto e del geologo, anche l’urbanista, l’esperto di pedagogia e didattica, il dirigente scolastico e il direttore amministrativo,lo specialista di architettura sostenibile e contenimento energetico,l’esperto di tecnologie della comunicazione e dell’informazione. Come dire,con il proverbio che il risultato è garantito sotto il profilo economico,funzionale ed architettonico  nella metodologia del “cento misure e un solo taglio”!”

Indicazioni bibliografiche

 Università “La Sapienza” Roma

“Una Nuova Idea di scuola”

Riferimenti bibliografici per una ricerca sull’architettura delle scuole

Roma 2009

Giuseppe Campagnoli

“L’architettura della scuola” Franco Angeli Milano 2007

Alan B. Ford

“Sustainable School” Images Publishing,Mulgrave 2007

Casabella

Monografia

AA.VV. “Scuole del Secondo Novecento”

Electa Milano Dicembre 2006

Riccardo Merlo,Falsetti Franchino

“L’edilizia scolastica”

 La Nuova Italia Scientifica,Roma  1994

Fausto Ermanno Leschiutta

“Frammenti di scuola2

Edizioni Kappa Roma 1989

Renato Airoldi

“Manuale di Edilizia Scolastica”

Nuova Italia Scientifica  1982

Pasquale Carbonara

“Composizione degli edifici”

Sezione 7  “Gli edifici per l’istruzione e la cultura

Unione Tipografica Editrice Torinese 1975

Uberto Siola

“Tipologia e Architettura della Scuola”

Edizioni Scientifiche Italiane Napoli 1966

Aldo Rossi

 “L’architettura della città”

Marsilio Editore Padova  1966

Alberto Sartoris

“Luci sulla scuola Moderna”

Emo Cavalleri,Como 1940

 

Aggiornamenti:

http://www.educationduepuntozero.it/politiche-educative/linee-guida-l-edilizia-scolastica-passo-avanti-4074004890.shtml

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...