Gli spazi che insegnano.Il racconto.


Ecco il servizio Rai Tg Marche del Seminario sugli “Spazi che insegnano” organizzato dal Comune di Pesaro per il 26 Aprile u.s. Celebrazione e propaganda per la nuova scuola a Pesaro, concezioni obsolete dell’architettura scolastica e degli spazi. Tempo concesso solo alle interviste del progettista pro domo sua e del patetico “esperto di banchi”.Tutto il funzionalismo…

Gli spazi che insegnano.Noblesse oblige.


Gli spazi che insegnano. Seminario di studio a Pesaro. Proprio ieri presso la sala del Consiglio Comunale si è svolto il seminario di studi sull’architettura scolastica a Pesaro. In esordio il saluto delle autorità, gli assessori e il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale che hanno avuto il merito di mettere insieme voci diverse in campo educativo e degli…

Il Manifesto dell’educazione diffusa


Non è un libro per soli addetti ai lavori.  “La città educante. Manifesto dell’educazione diffusa” di Paolo Mottana filosofo dell’educazione a Milano Bicocca e Giuseppe Campagnoli studioso di architettura per la cultura e la scuola è un libro per tutti quelli che hanno a cuore l’educazione, l’architettura e la città. E’ un libro che sogna…

Dietro l’auto di D’Annunzio. Art déco a Forlì


Behind D’Annunzio’s car   Ancora una volta una bella mostra a Forlì presso il polo museale di San Domenico, ancora una volta i padroni dell’arte vietano di prendere foto e fare riprese. I visitatori sono amanti dell’arte ma non speculatori o mercanti. Vogliono solo avere un ricordo della loro esperienza senza essere costretti a pagare…

E la nave va.Educazione ed architettura.


Presentazioni e incontri L’idea, nata tanto tempo fa dai sogni filosofici e architettonici di Paolo Mottana e Giuseppe Campagnoli sta gradualmente prendendo forma e si sta diffondendo attraverso il Manifesto della educazione diffusa, in seminari, convegni assemblee, presentazioni del libro “La città educante.Manifesto della educazione diffusa”, lezioni universitarie e tante altre occasioni e luoghi. Sta…

Perseverare diabolicum est. L’arte degli analfabeti del mercato.


L’arte degli analfabeti del mercato. Va bene che siamo in provincia, ma comunque il luogo, Urbino, non meriterebbe il bricolage artistico di cui, spesso. abbiamo scritto. Non lo meritava nemmeno la Pescheria di Pesaro, che ahimè dai tempi del compianto Loreno Sguanci è scesa dalle stelle…Vi proponiamo, senza parole, una replica di un nostro articoletto…

Etichette


“Chi pensa che sia impossibile è pregato di non disturbare chi sta provando…” L’ultimo  e denso libro dedicato all’educazione ed all’architettura scritto con Paolo Mottana per Asterios editore “La città educante. Manifesto della educazione diffusa” nelle sue prime uscite pubbliche mi ha già stimolato delle riflessioni sociologiche. Traggo spunto da una convinzione che ho condiviso con…

Salario minimo? Salario garantito?


Salario minimo? Salario garantito? L’arte di una economia giusta e sostenibile. Quando si tratta, si studia, si disquisisce e si pontifica di economia non ci si muove mai al di fuori del quadro di riferimento capitalista e liberale, quando non addirittura liberista. Persino le religioni e il nuovo socialismo democratico di sinistra (vedi il nostro…

Premonizioni?


Sono vicino a Londra e all’Europa accogliente come non lo sono a quella di certa storia coloniale, del mercato e dell’economia, ma invito a riflettere su tutto con freddezza oltre i luoghi comuni delle interpretazioni di tanti mezzibusti e opinonisti spesso improvvisati e di tanta vulgata. Occorre riflettere ed agire con senso della storia e…

La città: architettura educante


Il manifesto della educazione diffusa Avrò a breve un confronto con un architetto che progetta le belle scuole per le buone scuole. Sarà una bella sfida. Tra technè e poesia, tra prosa e sogno. Partendo dall’ultimo articolo “Architettura e potere”  e prima ancora dal  saggio ” La città educante. Manifesto dell’educazione diffusa“ di Paolo Mottana e Giuseppe…

Il diritto di usare il proprio cervello


La mente è poliedrica ed ha bisogno di libertà. Dalla mia pregressa esperienza sulla creatività e sulla percezione visiva nonché sulle neuroscienze legate all’estetica ed ai linguaggi non verbali e non scritti (Silvio Ceccato, Pino Parini, Paolo Manzini..) maturata in anni di direzione di istituti artistici mi sono fatto persuaso (come direbbe Montalbano..) superando anche…

La bella Costituzione quotidiana


di Giuseppe Campagnoli Chi governerà lo farà bene e onestamente solo se darà una risposta concreta e rapida agli articoli più vicini ai cittadini e più suscettibili di applicazione immediata per un minimo di equità sociale. Questo è il nodo della nostra Costituzione e ancora valido e da applicare. L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro….

Cerco un po’ d’Africa in giardino


“Cerco un po’ d’Africa in giardino, tra l’oleandro e il baobab…” Una Milano eclettica ed esotica non piace. A Parigi, Londra o Berlino non ci sarebbe stata polemica a tutto campo ma semplicemente l’espressione civile di opinioni diverse. Da architetto e docente che ha vissuto anni a contatto con l’educazione artistica sono colpito da tanto…

L’architettura del potere


Il potere, politico, laico, religioso o economico che sia si è sempre espresso e, ahimè, si esprime ancora, attraverso i suoi monumenti che vuole immutabili e celebrativi. I municipi, i parlamenti, i castelli, le chiese, le moschee, le scuole, i centri commerciali e i financial buildings rappresentano spesso  il dominio della politica, dell’economia e anche…

ReseArt productions


Una breve pausa di relax per presentare al nostro pubblico affezionato e “soloperpassione” le  produzioni videomusicali di ReseArt in una retrospettiva di quelle che hanno avuto un certo successo e riconoscimenti artistici come, ad esempio, le menzioni alla London International Creative Competitio del 2015 e del 2016 di Expo Pop 2015 e di Bella Ciao. I…

La città dell’educazione


Non è quella dei gesuiti, elitaria ma pur sempre rivoluzionaria per quei tempi, cui si riferiva il mio amico Franco DeAnna in un suo commento ad un mio timido articolo sulla scuola diffusa come provocazione o utopia di un lustro fa: “1. La prima idea venne ai Gesuiti alla fine del Cinquecento. Collocare l’istruzione entro…